indennità 600 euro collaboratori sportivi

Indennità di 600 euro anche ai collaboratori sportivi di società e associazioni sportive dilettantistiche iscritte al Coni. È quanto prevede l’articolo 96 del Dl 18/2020 “cura Italia”.

L’indennizzo spetta a tutti i collaboratori sportivi che percepiscono compensi di cui all’articolo 67 comma 1, lettera m), del Tuir. La condizione per l’accesso al contributo è l’esistenza di un rapporto di collaborazione instaurato in data antecedente al 23 febbraio 2020 con uno di questi soggetti: federazione sportiva nazionale; ente di promozione sportiva; associazione o società sportiva dilettantistica iscritta al registro del Coni.

Come richiederlo
Le domande andranno presentate presso la società “Sport e Salute Spa” che procederà alla loro valutazione e alla relativa liquidazione dei contributi (risorse permettendo).

L’articolo 96 prevede che la modalità di presentazione delle domande , siano demandate a un decreto da emanarsi in accordo con l’Autorità delegata in materia di sport, entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto “cura Italia” (quindi entro il prossimo 1° aprile).

Per richiedere l’indennità i collaboratori sportivi dovranno presentare un’autocertificazione circa l’esistenza del rapporto di collaborazione alla data del 23 febbraio 2020 con il soggetto sportivo e la mancata percezione di altro reddito da lavoro. L’indennità non concorrerà, comunque a formare l’imponibile del collaboratore sportivo.

I beneficiari
Per avere delle informazioni più dettagliate è necessario attendere il decreto attuativo. Ma vista l’ampia definizione utilizzata nell’articolo 96 del Dl 18/2020, la prima impressione è che il beneficio spetti a ogni tipologia di collaborazione conclusa in ambito sportivo. Quindi non solo a tutti coloro che percepiscono indennità di trasferta, rimborsi, premi e compensi erogati nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche, ma pure nei casi di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo gestionale di natura non professionale.

Il decreto afferma che, per poter fruire del bonus, è necessario che il richiedente non possegga altri redditi da lavoro; lasciando così intendere la possibilità che siano ammessi anche coloro che, oltre al reddito di collaborazione, possano vantare altre tipologie di compensi “diversi” (ad esempio, redditi di capitale o fondiari).

La norma non lo dice espressamente, ma è fondato pensare che il collaboratore debba essere iscritto, tramite il sodalizio sportivo di appartenenza, quale tesserato nella rispettiva federazione di appartenenza (Figc, Fit, eccetera).

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>